La Promessa dell’Angelo

Ho scritto questo libro circa tre anni fa, con l’unico scopo di esercitarmi in quella che è sempre stata una delle mie passioni: la scrittura. E’, si, un romanzo ma, come tutti i romanzi, contiene una parte autobiografica che, sinceramente, non ricordavo. Qualche giorno fa, mentre stavo facendo pulizia tra i miei documenti, l’ho ritrovato e, pur se a grandi linee rammentavo ciò che avevo scritto, mi sono presa il tempo per rileggerlo. A tre anni di distanza, ho potuto rendermi conto che quello che doveva essere soltanto un mero esercizio di scrittura si è trasformato in qualcosa di incredibilmente reale, quasi come se avessi profetizzato il mio futuro… Protagonista è Gaia, una donna che ha dovuto affrontare l’esistenza confinata in un mondo che si è costruita per riuscire a difendersi dalla crudele realtà che stava vivendo; mondo che crollerà su di lei nel momento in cui, l’unica persona di riferimento, della quale si fida ciecamente, le viene a mancare. Da quel momento Gaia comincia ad aprire gli occhi su ciò che, nella sua vita, è verità e in lei subentra un meccanismo di insofferenza ed incapacità ad affrontare quello che i suoi occhi, adesso, vedono. La paura del futuro, il sentimento profondo di sconfitta e la perdita totale di speranza, la inducono in cima ad una scogliera, decisa a farla finita. Soltanto in quel momento, in cui si trova sull’orlo del baratro, qualcosa dentro di lei si sveglia e qualcuno che Gaia conosce da sempre interviene e le impedisce di portare a termine il suo tentativo di suicidio. L’altra personalità che emerge nel romanzo è quella di una scrittrice americana che viene contattata dalla stessa Gaia allo scopo di scrivere la sua storia, da lasciare come testamento ai suoi figli. La scrittrice è una persona che ha saputo interagire con la sofferenza in modo totalmente diverso da Gaia; non arrendendosi ma lottando e lasciandosi alle spalle le delusioni e le amarezze che la vita le aveva fatto conoscere. Non è sposata e non ha figli e si trova in un momento dell’esistenza in cui le diventa difficile anche il suo mestiere di scrittrice, in quanto le sembra di aver esaurito le storie da raccontare. L’incontro tra le due personalità sarà di aiuto ad entrambe e darà all’una la possibilità di fare una scelta e all’altra l’incipit per rivolgersi in profondità dentro se stessa e cominciare a rispondere a tante domande alle quali non aveva mai dato il peso che meritavano. Rileggendo tutto questo mi sono resa conto che entrambe le protagoniste si chiamavano, in realtà, Monica… Avevo descritto due facce imponenti della mia personalità senza neppure rendermene conto e dato alla storia, che in molti tratti risultava alquanto autobiografica, i connotati di una profezia. Ora mi rendo conto che tra queste righe ci sono quelle che consideravo paure, le mie ansie, i miei conflitti interiori, il rifiuto di un’esistenza che mi rendeva schiava dei miei sensi di colpa e mi aveva fatto perdere la speranza e la fede di poter credere nei miracoli. La mia storia personale non ha avuto il lieto fine qui riportato, ma ho volutamente lasciato il “e vissero felici e contenti” che avevo immaginato tre anni fa, perché ciò che la vita mi ha tolto nella realtà, nessuno e niente possono toglierlo al mio cuore e alla mia Anima. Con la speranza di poter essere un piccolo fotone nel cuore di chi sente di aver perduto tutto, vi auguro buona lettura.

Monica

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Storie di pascolo vagante

Storie di pastorizia nomade, di allevatori, di alpeggio

Stefano Fiocchetti Osteopata DO

L’osteopatia è un sistema di diagnosi e trattamento che pur basandosi sulle conoscenze mediche tradizionali non prevede l'uso di farmaci.

Piccolo Seme

Niente è impossibile se credi

The Tepe Telegrams

News & Notes from the Göbekli Tepe Research Staff

La Macchina del Tempo

CRONACHE DALLO SPAZIO E DAL TEMPO

A Tu per Giu

Non c'è niete di più difficile del rendere le cose facili

Monica Benedetti Writer

Scrivere è il mio modo di donare me stessa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: